Ipotermia post arresto cardiaco: cosa conta davvero?

L’ipotermia terapeutica lieve (MTH) è un trattamento raccomandato per i pazienti in coma dopo arresto cardiaco extra ospedaliero (OHCA). Lo scopo dello studio era quello di esaminare i determinanti del risultato clinico nei sopravvissuti OHCA trattati con MTH e le variabili associate al tempo di induzione di MTH. In un recente studio pubblicato su Cardiology Journal, viene presentata un’analisi dei risultati combinati di uno studio osservazionale retrospettivo e prospettico che includeva 90 sopravvissuti OHCA trattati con MTH da gennaio 2010 a marzo 2018. L’analisi di regressione multivariata è stata eseguita per determinare le variabili associate a un esito neurologico scarso (Cerebral Performance Category 3– 5), mortalità e tempo di induzione prolungato.

Risultati:
Alla dimissione dall’ospedale, 59 (65,6%) pazienti erano vivi, di cui 36 (61%) avevano un buon esito neurologico. I pazienti più anziani (odds ratio [OR] 1,07, intervallo di confidenza al 95% [CI] 1,03-1,12) con Glasgow Coma Scale (GCS) inferiore (OR 0,49, 95% CI 0,30-0,80) erano a maggior rischio di scarso esito neurologico. I predittori di morte in ospedale includevano: età avanzata (OR 1,08, 95% CI 1,02-1,13), punteggio GCS inferiore (OR 0,47, 95% CI 0,25-0,85), presenza di shock cardiogeno (OR 3,43, 95% CI 1,11 –10,53) e dosi più elevate di adrenalina (OR 1,27, 95% CI 1,04–1,56). Un’induzione più lunga è stata associata a una rianimazione cardiopolmonare (RCP) più breve (coefficiente non standardizzato –3,95, IC 95% da –7,09 a –0,81) e livello di lattato inferiore (coefficiente non standardizzato –18,55, IC 95% –36,10 a –1,01).

Conclusioni:
L’esito neurologico sfavorevole nei pazienti OHCA trattati con MTH è associato all’età e al punteggio GCS inferiore. I fattori di rischio per la mortalità intraospedaliera includono età, somministrazione di alte dosi di adrenalina, punteggio GCS inferiore e presenza di shock cardiogeno. La durata della RCP e il livello di lattato erano predittivi di un tempo di induzione MTH prolungato. Scarica qui il PDF dello studio.

Redazione IARR

Redazione

Redazione - Italian Academy of Rescue and Resuscitation (www.iarr.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.